Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Trappola dopo l'incontro: sequestrata per una settimana

47enne arrestato dai carabinieri

Immagine di repertorio

Dal 14 al 20 giugno una 28enne è stata tenuta segregata nell’abitazione di un 47enne di Carmagnola, successivamente arrestato dai carabinieri per sequestro di persona.

I due si erano visti proprio il 14 giugno a casa dell’uomo per una prestazione sessuale a pagamento concordata durante un contatto avvenuto tramite un sito web di incontri.

Dopo alcune ore per la donna è scattata la trappola: lui le ha impedito, anche con l’uso della forza, di andare via e le ha anche sequestrato il cellulare appena scoperto che lei stava inviando alcune richieste di aiuto. A quel punto si è liberato del telefono e l'ha dato ad alcuni suoi amici in modo da non rendere rintracciabile la posizione.  

La denuncia di scomparsa, registrata il 19 giugno presso il Comando Stazione Carabinieri di Torino Borgata San Salvario, la segnalazione di alcuni residenti e le indagini dei militari hanno permesso di rintracciare la donna e di intervenire per liberarla. 

Infine la 28enne è stata dimessa dall’ospedale “San Lorenzo” di Carmagnola con dieci giorni di prognosi per le numerose ecchimosi presenti su tutto il corpo. L’arrestato è stato trasportato in carcere ad Asti con l’accusa di sequestro di persona.

Le indagini su quanto successo in quella casa sono ancora in corso e anche quelle volte a scoprire chi siano gli amici che hanno, più o meno consapevolmente, tenuto nascosto il cellulare della ragazza.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trappola dopo l'incontro: sequestrata per una settimana

TorinoToday è in caricamento