Cronaca Lucento / Corso Toscana

Torino, maltratta il cane davanti alla barista, aggredendo la volontaria dell'Enpa e i poliziotti: arrestata

Cane, impaurito, affidato al proprietario

Dopo essere stato malmenato da quella donna, quel cane è fuggito dietro al bancone di un bar di corso Toscana: era troppo impaurito, con la coda fra le gambe.

La titolare del bar, vista la scena, nel pomeriggio di giovedì 17 dicembre 2020, ha deciso di chiamare l'Enpa - l'associazione che si occupa della protezione degli animali - per fare degli accertamenti sul comportamento della donna.

La stessa, però, diventa una furia e inveisce contro la volontaria dell'Enpa. E il motivo è subito chiarito: il cane è di proprietà del fidanzato, ignaro di tutto.

La situazione degenera, a tal punto che arrivano anche gli agenti della polizia della Squadra Volante. Con la donna, una 36enne di nazionalità romena, che si scaglia anche contro i poliziotti, danneggiando alcune parti della loro macchina. 

Inevitabile, a quel punto, l'arresto per "resistenza a pubblico ufficiale" e "danneggiamento aggravato", oltre alla denuncia per "maltrattamento di animali". Il cane è poi stato affidato al legittimo proprietario. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, maltratta il cane davanti alla barista, aggredendo la volontaria dell'Enpa e i poliziotti: arrestata

TorinoToday è in caricamento