Cade un pannello dall'autobus e finisce sui sedili, i sindacati: "non c'è sicurezza"

Nessun ferito per miracolo

Il pannello caduto sui sedili

"Per fortuna nessuno si è fatto male. Ma non possiamo sempre sperare nella provvidenza".

Andrea Forneris, collaboratore della segreteria Faisa Cisal di Torino, denuncia l'ennesimo problema con gli autobus gestiti per conto di Gtt.

L'ultimo è quello di venerdì mattina, 4 ottobre 2019, attorno alle 4.50, sulla linea "43", che da Rivalta porta a Torino, gestita da Ca.Nova.

All'improvviso, infatti, un pannello si è letteralmente staccato, cadendo sui sedili sottostanti. "Fosse successo in altro orario, poteva causare un grave incidente, con il ferimento di qualche passeggero".

Un pannello che, come si evince dalle fotografie, era sorretto solo con del nastro isolante. "Con l'autista che ha solamente sentito un botto, si è fermato ed ha notato il pannello caduto. Era incredulo a tutto ciò", denuncia ancora Forneris.

Per Stefano Grifo, coordinatore Faisa Cisal per la Ca.Nova, "lavorare in queste condizioni è assurdo, perché non si riesce a garantire la sicurezza dei passeggeri e degli stessi autisti. Proprio nella nostra procedura di raffreddamento in corso con Ca.Nova, un punto cardine è la sicurezza del personale e dei passeggeri. Speriamo l'azienda prenda in seria considerazione le segnalazioni degli autisti e dell'organizzazione sindacale, prima che qualcuno si faccia male seriamente".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Auto si schianta contro un muro: donna morta sul colpo

  • Scossa di terremoto in serata: scossa avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Giovane carabiniere investito mentre interviene su altro incidente: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento