rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Inchiesta sulla discoteca Cacao, chiesto giudizio per Morano

Notaio e consigliere comunale

La Procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio per Alberto Morano, notaio, ex candidato sindaco e capogruppo della lista Morano in Consiglio comunale, coinvolto – insieme ad altre tre persone - nell'inchiesta su presunte irregolarità e abusi edilizi della discoteca Cacao situata nel cuore del parco Valentino.

L'inchiesta coordinata dal pm Gianfranco Colace, tra l’altro, aveva preso il via proprio da un esposto presentato dallo stesso Morano su presunti abusi edilizi ed irregolarità nelle autorizzazioni per l'apertura della discoteca di proprietà del Comune. Un atto che secondo gli investigatori non sarebbe stato privo di interessi.  

Tentata concussione, corruzione e truffa i reati ipotizzati. Per i pm, Morano, tramite due imprenditori legati al mondo dei locali e Angelo D'Amico, ex consigliere comunale del centrodestra, avrebbe chiesto 200mila euro ai gestori del Cacao per ritirare l'esposto ed evitare una denuncia che avrebbe portato a chiudere il locale, che ad oggi risulta comunque chiuso.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta sulla discoteca Cacao, chiesto giudizio per Morano

TorinoToday è in caricamento