Cronaca

Trichenellosi: sequestrata macelleria abusiva di selvaggina, 80 i casi

Anche il 'salumiere' tra i contagiati

Immagine di repertorio

Una macelleria abusiva è stata sequestrata, in un'operazione congiunta di carabinieri del nucleo antisofisticazione sanità (Nas), del nucleo investigativo di polizia ambientale e agro-forestale e della stazione di Borgone di Susa, in una casa di Bruzolo, in seguito a un'ottantina di casi di trichenellosi nella zona.

I militari hanno scoperto che tutti, tra cui lo stesso macellaio abusivo, anch'esso contagiato, avevano mangiato salumi confezionati artigianalmente con selvaggina all'interno di quel laboratorio.

Nel laboratorio c'erano frigoriferi, piani di lavoro, impastatrice, tritacarne e bidoni con budella per salumi. Tutto era privo del previsto riconoscimento alla macellazione ed utilizzato per la lavorazione e confezionamento di carni ed insaccati di selvaggina.

Nello specifico, i carabinieri hanno accertato che era stato utilizzato per la preparazione di salami di cinghiale, utilizzando circa mezzo quintale di carne fornita da cacciatori della zona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trichenellosi: sequestrata macelleria abusiva di selvaggina, 80 i casi

TorinoToday è in caricamento