Bomba carta per far esplodere l'auto della ex: ecco la "vendetta" dell'ultras del Toro

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Il 1 gennaio dell'anno scorso, era esploso il cofano di una Mercedes classe A parcheggiata in via Sagra di San Michele, a ridosso della sede del sindacato Fiom, danneggiando anche un autocarro.

A distanza di un anno e cinque mesi di fitte indagini, la Digos ha risolto il caso. Si tratta di un 58enne di Torino, già noto alle forze dell'ordine, assiduo frequentatore degli ambienti ultras del Torino.

A stanarlo le immagini di videosorveglianza presenti in città, ma anche una perquisizione nella sua abitazione, nella giornata di venerdì 17 maggio 2019.  

Secondo la ricostruzione fornita, l’uomo avrebbe deciso di fare esplodere con un ordigno artigianale quell'auto perché nutriva ancora dei rancori verso la ex compagna vista la fine del rapporto sentimentale.

Per questi motivi, è stato denunciato per minacce aggravate, danneggiamento aggravato e porto illegale di esplosivi.

Torino Mercedes bomba carta Sagra San Michele-2

Potrebbe Interessarti

  • Automobilisti bloccati dai ciclisti che urlano: “Non arrabbiatevi, aprite gli occhi”

  • Pioggia e grandine su mezza provincia, serata di allagamenti e disagi

  • Bus prende fuoco al capolinea, paura per i passeggeri

  • Torino Pride 2019, Luxuria: "Non è una carnevalata, chi lo dice offende migliaia di cittadini"

Torna su
TorinoToday è in caricamento