Cronaca Barriera di Milano

Aggredisce il padre per avere denaro, quando torna il genitore chiama la polizia: arrestato 

Per atti persecutori. A suo carico aveva il divieto di avvicinamento al luoghi frequentati dal padre e dalla madre

Immagine di repertorio

È andato due volte nell’arco di poche ore, domenica 3 gennaio, dai genitori per chiedere denaro nonostante il divieto di avvicinarsi alla loro casa, in uno stabile del quartiere Barriera di Milano. La prima volta è riuscito a introdursi nel condominio e a bussare alla porta dell’alloggio. Il padre, pensando fosse un vicino, aveva aperto trovandosi davanti il figlio che – secondo quanto raccontato dal genitore - in stato di astinenza da stupefacenti, lo aveva prima minacciato per ottenere del denaro dopodiché, dopo averlo spintonato e fatto cadere per terra, si era allontanato con alcuni spiccioli e oggetti presi in casa.

In serata il figlio è tornato dai genitori pretendendo di entrare nell’abitazione a suon di calci e pugni contro la porta e suonando ripetutamente al citofono. È così che l'hanno trovato gli agenti dalla Squadra Volante intervenuti dopo la richiesta di aiuto del padre. Il figlio è stato arrestato per atti persecutori e denunciato per essere andato a casa dei genitori e per estorsione. Inoltre è stato sanzionato amministrativamente per il possesso di sostanza stupefacente e per la violazione delle norme anti Covid. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredisce il padre per avere denaro, quando torna il genitore chiama la polizia: arrestato 

TorinoToday è in caricamento