menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il torpedone controllato dai civich

Il torpedone controllato dai civich

Autobus riverniciato e ritargato per farlo sembrare come nuovo: bloccato dai civich

Doveva trasportare una scolaresca

Revisione scaduta, violazioni sul cronotachigrafo e, soprattutto, da 22 anni sulla strada anche se all'apparenza sembrava nuovo.

E' quanto hanno scoperto gli agenti del Reparto Sicurezza Stradale Integrata della polizia municipale di Torino, che poco fa ha bloccato un autobus - più precisamente un torpedone a tre assi - in partenza per una gita nella zona di Madonna di Campagna. 

Dal controllo della documentazione è risultato infatti avere la revisione scaduta e sono emerse anche violazioni sul cronotachigrafo.

Come se non bastasse, il mezzo è stato ritargato e verniciato di recente, e invece era oramai sulla strada da ventidue anni, essendo stato immatricolato la prima volta nel lontano 1996.

Il veicolo è stato subito bloccato e ora sarà costretto ad una revisione straordinaria. I bambini sono lo stesso andati in gita, con un mezzo idoneo e in regola dal punto di vista del Codice della Strada. 

Un episodio analogo era avvenuto a Rivoli, quando erano stati gli agenti della polizia a controllare un autobus privato prima che caricasse alcune scolaresche in partenza per una gita.

Il titolare dell’azienda, precisa come “gli autobus, nel momento in cui vengono acquistati, devono essere ritargati per passare di proprietà. Abbiamo pagato 9mila euro per la riverniciatura totale del mezzo, questo perché abbiamo attenzione e cura dei mezzi. Sulla revisione la colpa è nostra. Il mezzo ha giustamente subito dalla polizia municipale circa un'ora di controlli su ogni dispositivo di sicurezza non trovando alcun dato a noi contestabile, tranne il fatto che la revisione fosse scaduta. L’agenzia pratiche aveva scambiato i libretti con un altro autobus della nostra flotta, la cui scadenza era il 20 aprile. Pensavamo di essere in regola e invece abbiamo scoperto il problema grazie alla polizia municipale. Per quanto riguarda il cronotachigrafo, sappiamo perfettamente che una manomissione verrebbe punita con il ritiro della carta di circolazione e la sospensione della patente di guida dell'autista, e non con un verbale da 29 euro come ci è stato comminato per non aver modificato l'ora del cronotachigrafo stesso al momento della partenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento