Minaccia e strattona la sorella dopo l'ennesimo litigio: la polizia arriva e lo arresta per spaccio

Convivenza forzata a causa del Coronavirus

Immagine di repertorio

A causa dell'emergenza Coronavirus, aveva deciso di aprire le porte di casa al fratello, un ragazzo di 26 anni.

Nei primi giorni, la convivenza è stata accettabile. Ma, con il passare del tempo, ecco le prime avvisaglie di tensione, culminate domenica pomeriggio, 5 aprile 2020, quando l'ennesimo litigio è culminato con strattonamenti e minacce.

La donna, a quel punto, ha deciso di chiamare la polizia, subito intervenuta in quell'appartamento in corso Francia. 

I poliziotti, una volta in casa, hanno iniziato a perquisire l’appartamento. All’interno della camera occupata dal giovane, gli agenti hanno subito avvertito un forte odore di sostanza stupefacente, proveniente da cinque buste contenenti hashish per oltre 50 grammi, occultate nel comodino.

Il giovane è stato così arrestato per "detenzione e spaccio" e denunciato per "minacce".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Piemonte verso la zona gialla e le regole per le festività natalizie: riepilogo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Tragedia in ospedale a Torino: paziente si uccide gettandosi dal quarto piano

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

Torna su
TorinoToday è in caricamento