Cronaca Centro / Piazza della Repubblica

Il pusher che spacciava hashish "Amnesia" tradito dai quaderni di scuola del figlio

Arrestato dalla polizia

La droga sequestrata dalla polizia

Appena hanno visto gli agenti del commissariato Dora Vanchiglia, giovedì sera, 5 marzo 2020, avvicinarsi in piazza della Repubblica, un 48enne di nazionalità marocchina e un'altra persona, in sella ad una bicicletta, si sono divisi immediatamente.

Il primo si è diretto verso l'area mercatale, poggiando su uno dei "carretti" un involucro di colore scuro. Ovvero un panetto del peso di 100 grammi di hashish ancora confezionato con sopra un’etichetta bianca con sopra scritto “Amnesia”.

L'uomo è stato subito braccato e controllato: durante la perquisizione, sono stati trovati nel giubbotto 525 euro in contanti e due cellulari. A questo punto è scattata anche una perquisizione nella sua abitazione con l'ausilio dei cani antidroga.

Nel garage trovati altri panetti di hashish, per un peso totale di circa 3 chili, tutti con la scritta "Amnesia". Sulle prime, il 48enne ha negato ogni responsabilità, salvo poi ammettere non appena gli agenti hanno trovato alcuni quaderni scolastici con sopra il nome e il cognome del figlio. Sempre nel garage, trovato un motociclo, risultato rubato. 

L'uomo è stato così arrestato per "detenzione e spaccio di sostanza stupefacente" e denunciato per "ricettazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pusher che spacciava hashish "Amnesia" tradito dai quaderni di scuola del figlio

TorinoToday è in caricamento