"Sono andato a comprare le sigarette" ma non è vero: prova a colpire i poliziotti e viene arrestato

Sanzionato per droga e violazioni "anti Covid"

L'ospedale di Ivrea

Resistenza a pubblico ufficiale. Questa l'accusa mossa a un 37enne italiano, arrestato ieri pomeriggio, mercoledì 15 aprile 2020, dagli agenti del commissariato di Polizia di Ivrea e Banchette.

Tutto è avvenuto nella zona di piazza Credenza, quando i poliziotti hanno notato l'uomo camminare a piedi verso l'ospedale. 

Appena visti gli agenti, il 37enne ha cambiato direzione, passando dietro la tenda del servizio 118 adibito al triage per le persone potenzialmente affette da Coronavirus.

Inevitabile, a quel punto, l'intervento della polizia, che lo ha braccato e controllato. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, ha spiegato come fosse in giro per comprare le sigarette al distributore automatico di via Aosta.

Questo nonostante ce ne fosse uno vicino alla sua abitazione. Una scusa, visto che dopo la perquisizione non è emerso il pacchetto che dimostrasse come quella sua dichiarazione fosse veritiera.

Ed è proprio durante la perquisizione che il 37enne ha dato in escandescenze, spintonando e provando a colpire i due poliziotti. 

E così sono scattate le manette per resistenza e sanzionato perché trovato in possesso di alcuni grammi di marijuana e per aver violato le prescrizioni relative all’emergenza Covid-19.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento