Cronaca Falchera / Corso Romania, 501

Lo spaccio avveniva ogni giorno nella stazione ferroviaria: arrestato il "pusher pendolare" 

Ogni giorno da Cuneo a Torino

La droga sequestrata al pusher pendolare

Quasi ogni mattina lo potevi trovare alla stazione ferroviaria di Torino-Stura. Sempre alla solita ora. In attesa dell'arrivo dei suoi clienti.

Già, perché è lì che quel pusher senegalese, 30enne, senza fissa dimora, spacciava.

Ma la polizia lo teneva d'occhio da tempo. E venerdì mattina, 4 settembre 2020, gli ageni della sezione Falchi della Squadra Mobile di Torino si sono fatti trovare al binario 9. Dove stava arrivando il treno da Cuneo.

Poco distante, ecco un gruppetto di una quindicina di persone, che lo attendeva trepidante sulla banchina. 

Senza dare troppo nell'occhio, si è spostato nel sottopasso, con i clienti che pian piano l'hanno seguito. E quando ha iniziato a scambiare la droga con il denaro, ecco scattare il blitz della polizia.

Il 30enne ha provato a scappare ma tutto è stato vano, visto che altri poliziotti lo hanno accerchiato, mettendogli così le manette ai polsi.

E quel fazzoletto con dentro diversi involucri di droga, colorati di giallo e di nero, non è riuscito a gettarlo in tempo. Ed erano ben 78 gli ovuli: cocaina ed eroina. 

Ma quella era solo una parte, visto che il resto era già stato venduto: in tasca, infatti, sono stati trovati 240 euro in contanti. 

Il "pendolare dello spaccio", che risulta tra l’altro gravato da numerosi precedenti specifici, è stato così arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo spaccio avveniva ogni giorno nella stazione ferroviaria: arrestato il "pusher pendolare" 

TorinoToday è in caricamento