Continuava a spacciare nonostante fosse ai domiciliari: pusher "tradito" dal cliente

Arrestato per evasione

Immagine di repertorio

A tradire quel 25enne di nazionalità marocchina è stato il cliente.

Perché mercoledì mattina, 29 luglio 2020, in via Bologna, gli agenti del commissariato Dora Vanchiglia hanno sorpreso un uomo che continuava a camminare, avanti e indietro, all'altezza di un portone. E, con il cellulare, continuava a comporre un numero - quello del pusher - urlando di "sbrigarsi".

Pochi minuti dopo, il 25enne scende di casa. Ed è qui che i poliziotti sono intervenuti per controllarli. Ma alla vista dei poliziotti, il giovane è fuggito, lanciando sotto un’auto diversi involucri contenenti circa 20 grammi di eroina e cocaina, successivamente recuperati dall’unità cinofila e sottoposti a sequestro.

Successivi accertamenti hanno permesso di capire come quel giovane abitasse proprio in quello stabile. E quando ha aperto la porta di casa, indossava degli abiti differenti. Ma l’escamotage utilizzato non è servito. La perquisizione effettuata nel suo appartamento ha consentito alla polizia di trovare oltre 7.500 euro in contanti, che per gli inquirenti potrebbe trattarsi del provento dell'attività di spaccio.

Il giovane è stato arrestato per violazione della Legge sull’Immigrazione e per evasione: era ai domiciliari per altri reati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento