L'ascensore si apre. Ma invece del cliente trova i poliziotti: pusher in manette

Spaccio di crack e cocaina

La droga sequestrata dalla polizia

Dopo ogni telefonata di "lavoro", usciva di casa, prendeva l'ascensore e, rimanendo al telefono, spiegava al cliente come fosse importante guardarsi attorno per "non avere problemi".

Ma sabato pomeriggio, 13 giugno 2020, appena è uscito dall'ascensore si è trovato davanti gli agenti del commissariato Madonna di Campagna, che lo hanno arrestato per "spaccio di sostanza stupefacente". 

Nei guai è finito un pusher di nazionalità gabonese di 40 anni. Tutto è avvenuto in uno stabile di corso Grosseto. 

A seguito della perquisizione personale, i poliziotti hanno trovato 44 ovuli di cocaina, per un peso complessivo di quasi 30 grammi.

Di qui la perquisizione domiciliare, dove sono stati trovati altri 60 grammi di crack, oltre al materiale necessario al confezionamento delle dosi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento