Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Barriera di Milano

Torna a casa ubriaco e aggredisce moglie e parenti: arrestato

Urla sentite dalla strada

Immagine di repertorio

Ha iniziato a minacciare tutte le persone presenti in quel momento in casa. Compresi alcuni minori.

Urla sentite anche dagli altri residenti di quello stabile di Barriera di Milano, Residenti che ieri sera, lunedì 30 marzo 2020, hanno così deciso di chiamare la polizia.

Gli agenti del Commissariato Centro sono così intervenuti, sentendo dalla strada le urla della lite. Ma soprattutto hanno visto l'uomo spintonare due donne.

Ovvero la moglie dell'uomo e un'altra parente. 

Una volta dentro, la moglie si è sfogata, spiegando come il marito - un pakistano di 24 anni - da un anno a questa parte era vittima di maltrattamenti, insulti e minacce. E lo stesso subivano i parenti di lei. Gesti commessi, la maggior parte delle volte, per via dello stato di ebbrezza del 24enne. 

La donna ha spiegato come l'anno scorso, dopo aver contratto il matrimonio, il marito aveva preteso che la consorte lasciasse il lavoro, sebbene l’uomo non abbia mai contribuito concretamente all’economia della famiglia.

Durante la perquisizione, è stato trovato un coltello da cucina sotto al cuscino. Coltello che, in una circostanza - come raccontato dalla vittima - aveva anche lanciato in direzione della moglie, evitandola per miracolo.

In un’altra circostanza, era stata ferita al braccio con un coccio di bottiglia. 

Dalla ricostruzione dei fatti che hanno protato all'arresto del 24enne per "maltrattamenti in famiglia", l'uomo è rincasato ubriaco e, dopo aver litigato per futili motivi con la moglie, ha deciso di aggredire la consorte e la parente. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna a casa ubriaco e aggredisce moglie e parenti: arrestato

TorinoToday è in caricamento