Sradica il citofono di casa dopo aver malmenato e scaraventato a terra la moglie: arrestato

Sotto gli occhi della figlia

Immagine di repertorio

Appena sono entrati in quell'appartamento, domenica sera, 7 giugno 2020, nel quartiere Borgo Vittoria, gli agenti della Squadra Volante hanno trovato una donna che tremava e che si reggeva il capo dolorante. Alle sue gambe, avvinghiata, c'era la figlia, in lacrime.

Un quadro drammatico che fa subito capire agli agenti come si trattasse di un'aggressione da parte del marito della donna. 

E lei, tra un pianto e l'altro, cercando di tranquillizzare la figlia, ha raccontato cosa fosse accaduto. Ovvero insultata, malmenata, afferrata per i capelli e scaraventata a terra. 

La vittima, nonostante il dolore, era riuscita a chiamare il numero unico di emergenza. Ma il marito, per evitare guai, era riuscito a sradicare il citofono di casa. In modo tale anche da renderla irreperibile. 

Ma tutto è risultato vano, visto che la polizia è riuscita a soccorrere la donna - per lei 15 giorni di prognosi dopo le visite di rito in ospedale - e ad arrestare il marito violento con l'accusa di "maltrattamenti". 

La donna ha raccontato agli agenti come gli insulti non fossero una novità: più volte, infatti, in passato era stata denigrata dal consorte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento