Cronaca Lucento

Due anni e mezzo di maltrattamenti, violenze e minacce di morte: arrestato

Dopo il pugno al volto della compagna

Immagine di repertorio

Si è scagliato contro la sua compagna, piantandole un pugno in pieno volto. E, non contento, l'ha anche strattonata violentemente.

Quello della scorsa settimana, è solamente l'ultimo di una serie di episodi di violenza che hanno caratterizzato questa convivenza, durata quasi due anni e mezzo, fra un uomo di 38 anni, italiano, e una donna di 34, anche lei italiana.

Episodi fatti di aggressioni, minacce di morte, attacchi verbali. Sempre per colpa del fatto che il 38enne rincasava ubriaco. E nonostante quasi sempre lui chiedesse scusa e promettesse un rapido cambiamento nei comportamenti, nonostante girasse per casa con un coltello legato al collo tramite una collanina. Coltelli che la donna, spesso e volentieri, trovava per casa e gettava nella spazzatura. Salvo poi trovarne altri, che lui ricomprava sistematicamente.

Eppure, quelle promesse si trasformavano sempre in altri episodi di violenza. Come quando venne colpita dal lancio di una bottiglia di birra che l’aveva ferita alle tempie. 

La donna, che fino alla scorsa settimana non aveva mai denunciato nulla alla polizia, questa volta ha deciso di chiedere aiuto, dopo essere scappata in strada, non prima di aver preparato una piccola valigia.

All’interno dell’appartamento, in zona San Paolo, gli agenti hanno trovato diverse armi, tutte con alterazione delle canne: risultavano prive del tappo rosso di sicurezza.

Il 38enne, con precedenti di Polizia, è stato anche denunciato all’Autorità Giudiziaria per "detenzione e porto abusivo di armi" e per "porto di armi od oggetti atti ad offendere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due anni e mezzo di maltrattamenti, violenze e minacce di morte: arrestato

TorinoToday è in caricamento