Cronaca San Donato

Dalle parole dolci a calci, schiaffi, pugni e morsi. Tutto in pochi mesi di relazione

Arrestato compagno violento

Immagine di repertorio

In pochi mesi, da quando si erano conosciuti e avevano iniziato la relazione, si è passati dalle parole colme d'amore alle violenze, ai pugni, agli schiaffi.

Nei guai è finito un 26enne italiano, arrestato sabato scorso, 23 maggio 2020, dagli agenti del commissariato San Donato con l'accusa di "lesioni" e "minacce". 

Tutto avviene a inizio pomeriggio di sabato quando, dopo una lite con la compagna, inizia a picchiarla, colpendola al fianco, alle braccia e al volto.

La donna, terrorizzata, decide di chiamare la madre, spiegandole tutto e chiendendole di venire in suo soccorso. La mamma, a quel punto, arriva a casa della figlia e affronta il compagno, intimandogli di andarsene.

Cosa che puntualmente avviene. E quando le due pensano che il peggio sia finito, la mamma va via. Ma lui torna a casa, grazie ad un secondo paio di chiavi. E aggredisce nuovamente la compagna, con morsi e schiaffi, e minacciandola di morte.

La donna, così, prova a fuggire ma la porta del ballatoio è chiusa a chiave. E inizia ad urlare, con tutto il fiato che ha in corpo, riuscendo ad attrarre l'attenzione di alcuni vicini, che chiamano la polizia.

E lui viene arrestato, mentre lei può davvero scrivere la parola fine su una storia che non può essere considerata d'amore. Ma solo di pura violenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle parole dolci a calci, schiaffi, pugni e morsi. Tutto in pochi mesi di relazione

TorinoToday è in caricamento