Torino, sorpreso a spaccare con una mazzuola i basamenti dell'illuminazione pubblica: arrestato

Li nascondeva nelle buste

Immagine di repertorio

Lo hanno visto dalla finestra, mentre con un martello danneggiava i basamenti dell’illuminazione pubblica, in corso Grosseto.

Per questo, nel tardo pomeriggio di sabato 3 ottobre 2020, gli agenti della Volante si sono diretti a tutta velocità per cercare di fermare quell'uomo, che poi si scoprirà essere un romeno di 62 anni.

Subito fermato e perqusito, è stato trovato in possesso di due le buste, dove all'interno erano presenti cinque basamenti danneggiati, una mazzuola in metallo di 30 centimetri ed un coltellino multiuso.

L'uomo è stato così arrestato per "furto" e indagato per "porto di armi o aggetti atti ad offendere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento