menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

In giro per la città con un coltello in mano e uno nella cintura, dopo aver minacciato la dottoressa

Arrestato dai carabinieri

Si aggirava per le strade di Moncalieri con un coltello in mano e uno riposto nella cintura del pantalone.

Attimi di grande tensione, nel pomeriggio di martedì 4 agosto 2020 nella zona tra piazza Failla e corso Roma.

A notarlo sono stati alcuni passanti che, impauriti, hanno prontamente deciso di chiamare il "112" per richiedere l'intervento dei carabinieri.

In pochi minuti, i militari del Radiomobile di Moncalieri lo trovano e lo fermano, sequestrandogli quei due coltelli, rubati poco prima in un bar: il titolare dell'esercizio commerciale si era accorto del furto da parte dell'uomo, che poco prima aveva consumato un paio di birre. 

Dopo le verifiche del caso, i militari scoprono come l'uomo fosse già conosciuto. Questo perché due giorni prima lo avevano denunciato per "violenza privata" nei confronti della ex e del suo nuovo compagno: aveva provato a investirli. 

Non solo. Dalla centrale operativa si scopre come l'uomo qualche tempo fa abbia tentato il suicidio perché non ha mai accettato la separazione dalla moglie, venendo ricoverato nel reparto psichiatrico dell'ospedale di Moncalieri. E, soprattutto, come poche ore prima abbia minacciato una dottoressa dell'ospedale, danneggiando anche la porta del reparto. Il motivo? Aver detto "no" ad un ricovero. Che lui pretendeva, pur non avendone diritto. 

Dopo averlo arrestato, ora si trova ai domiciliari, con obbligo di presentazione ai carabinieri e divieto di dimora nel Comune di Nichelino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento