Vuole una birra ma non vuole pagarla: aggredisce barista e carabinieri con una cinghia in metallo

Ferito anche un agente di polizia locale

Immagine di repertorio

Voleva a tutti i costi una birra, senza però volerla pagare. 

Ma al "no" ricevuto dal titolare del bar “Bottega del Caffè”, di via Piossasco 64 a Rivalta di Torino, ha reagito prendendo una cinghia in metallo, iniziando a minacciarlo di morte e a far roteare quella cintura, provando a fargli cambiare idea. 

E dopo un secondo "no", ha iniziato a colpirlo ripetutamente. Le urla provenienti dal locale hanno allertato i residenti della zona e qualche avventore del bar, che hanno prontamente chiamato i carabinieri di Orbassano, subito arrivati sul posto.

In manette, mercoledì 9 ottobre 2019, è finito un 39enne di Rivalta. Per lui l'accusa è di "tentata estorsione aggravata", "resistenza e lesioni a pubblico ufficiale" e "danneggiamento aggravato".

Alla vista dei militari, infatti, il 39enne si è scagliato contro di loro - provocando lesioni guaribili in quattro e cinque giorni -  e contro un agente della polizia locale, intervenuto in supporto: per quest'ultimo, la prognosi è di cinque giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Auto si schianta contro un muro: donna morta sul colpo

  • Scossa di terremoto in serata: scossa avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Giovane carabiniere investito mentre interviene su altro incidente: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento