Dopo la fine della relazione ha continuato a pedinare la ex, ovunque

Arrestato dalla polizia

Immagine di repertorio

I comportamenti molto ossessivi e possessivi del compagno, l'avevano portata a mettere la parola fine a quella relazione.

Relazione dove non erano mancate anche le aggressioni fisiche. Ma la donna, per paura e vergogna, non aveva mai avuto il coraggio di recarsi dalle forze dell'ordine e denunciare questa drammatica situazione, che la stava ossessionando.

Almeno fino a mercoledì pomeriggio, 5 agosto 2020, quando si reca al commissariato Centro completamente terrorizzata. 

Agli agenti racconta come siano stati tanti gli episodi di pedinamento. Da quello post vacanze fuori regione a quello di mercoledì, quando l'ex ha aspettato la donna sotto casa e, appena si è messa alla guida della sua auto, lui le ha aperto lo sportello, prendendole le chiavi e non permettendole di partire.

E, non contento, le ha anche fatto una scena di gelosia perché, vedendola uscire da un negozio, secondo lui si sarebbe fermata un pò troppo a parlare con uno dei commessi. 

Grazie alla descrizione fornita dalla donna, compresi i dettagli sull'abbigliamento, gli agenti lo trovano in piazza Savoia. Una volta in commissariato, viene perquisito e trovato in possesso delle chiavi dell'auto della ex. 

Un successivo controllo al terminale emergono dei precedenti di polizia per lesioni risalenti al 2016. Di qui l'arresto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

Torna su
TorinoToday è in caricamento