rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Rivoli

Non accetta la fine della relazione e inizia a pedinarla e minacciarla: arrestato dalla polizia

Terzo caso nella stessa cittadina in sette giorni

Atti persecutori. Questa l'accusa mossa dagli agenti del Commissariato di Polizia di Rivoli ad un 37enne italiano, arrestato nella giornata di venerdì 15 maggio 2020.

L'ennesima storia tra due persone che non possiamo definire d'amore, visto l'epilogo. Tra lui e la sua ex era finito tutto nel 2019, per volere di lei, stufa di violenze e minacce ripetute nel tempo. 

Ma lui, invece di accettare la fine, aveva iniziato a perseguitarla e minacciarla. A tal punto da essere costretta a bloccarlo telefonicamente e sui social network. 

Nonostante questa drastica decisione, il 37enne non ha smesso nei suoi comportamenti. Arrivando persino a seguirla quando esce con le amiche (prima che ci fosse il lockdown, ndr), continuando a scriverle mail e a contattarla con utenze telefoniche diverse.

Finita qui? No. Perché arriva persino a tagliarle la strada in auto, bloccando la marcia della sua auto e allontanandosi solamente quando la donna ha composto il "112".

E così arriva l'ammonimento da parte del Questore. Ma non basta. Perché lui continua. Sempre con atteggiamenti più gravi. E il tribunale emette un provvedimento più restrittivo, ovvero l'arresto.

Ma il giorno prima che il provvedimento venisse eseguito, ecco l'uomo tornare in azione. Sotto casa della donna, dove si era appostato per capire dove andasse e cosa facesse.

Gli agenti, di passaggio in zona per uno dei tanti controlli che facevano per monitorare l’incolumità della donna, lo hanno riconosciuto e avvicinato. Lui, però, capendo di essere nei guai, ha provato a fuggire.

Tutto vano: le manette sono scattate. Si tratta del terzo arresto per "stalking" eseguito dagli agenti del commissariato di Rivoli.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non accetta la fine della relazione e inizia a pedinarla e minacciarla: arrestato dalla polizia

TorinoToday è in caricamento