Trova l'ex marito sul balcone della cucina, dopo aver forzato una porta finestra: arrestato

Un altro arresto dopo il ferimento della moglie

Immagine di repertorio

Due episodi in poche ore. Due richieste d'aiuto da parte di donne che dovevano combattere con mariti o ex mariti violenti.

Tutto è successo domenica, 13 ottobre 2019, nel rione Dora Vanchiglia. 

Gli agenti della Squadra Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale sono intervenuti prima a casa di una signora rumena che, rientrando a casa, ha trovato l’ex marito sul balcone di pertinenza della cucina.

E' solamente l'ultimo episodio, visto che l'ex marito - sono separati da due anni - è stato più volte denunciato dalla ex moglie. Solo pochi giorni prima, giovedì 10 ottobre 2019, in stato di ebbrezza, si è introdotto nell'alloggio passando dal balcone, non prima di aver scavalcato il cancello esterno. 

Quando è stato sorpreso dagli agenti, domenica pomeriggio, era già riuscito a forzare una porta finestra con l'ausilio di una pinza a pappagallo. Di qui le manette per "violazione di domicilio" e "atti persecutori". 

Poche ore dopo, i poliziotti hanno prestato soccorso ad una donna, anche lei rumena. La vittima ha raccontato che pochi minuti prima, dopo un litigio per futili motivi, il compagno - un connazionale di circa 50 anni - ha preso un coltello, ferendo al braccio la donna dopo una colluttazione. 

La donna è riuscita a scappare, rifugiandosi a casa di conoscenti e chiamando la polizia. L'uomo è stato arrestato per "lesioni aggravate" e "maltrattamenti in famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Auto si schianta contro un muro: donna morta sul colpo

  • Scossa di terremoto in serata: scossa avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Giovane carabiniere investito mentre interviene su altro incidente: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento