Scontri tra studenti alla Palazzina Einaudi a Torino: otto mesi dopo, altri due arresti

Due giovani vicini ad Askatasuna

Immagine di repertorio

Due studenti universitari - una 26enne di Parma e un 27enne di Roma - che fanno parte di collettivi vicini ad Askatasuna sono stati arrestati, nella mattinata odierna, mercoledì 7 ottobre 2020, da parte della Digos della Questura di Torino nell’ambito di una indagine coordinata dalla Procura di Torino. 

Si tratta degli ultimi due provvedimenti che si vanno ad aggiungere a quelli del 23 luglio 2020, quando erano state arrestate altre 19 persone - sempre nella sfera di Askatasuna - per i fatti del 13 febbraio 2020 al Campus Einaudi di Torino, sede universitaria delle facoltà di Scienze Politiche e Giurisprudenza.

Quel giorno, durante un volantinaggio sulle Foibe da parte di esponenti del Fuan-Azione Universitaria (la federazione che raggruppa gli studenti di destra), una quarantina di persone anarco-antagoniste e studenti avevano circondato i reparti mobili di polizia intervenuti per proteggere gli studenti di destra in occasione del volantinaggio stesso. 

Una decina dei primi erano anche riusciti a entrare dentro all'Università, aggredendo due guardie giurate con calci e spintoni, sfondato la porta di accesso dell’aula “Paolo Borsellino” assegnata ai rappresentanti del Fuan, danneggiando diversi arredi.

Alcuni agenti erano stati circondati e aggrediti dagli antagonisti: tre operatori Digos erano finiti in ospedale e poi dimessi con prognosi tra i 5 e i 30 giorni. Un dirigente del servizio di ordine pubblico aveva avuto una prognosi di 8 giorni; un poliziotto 5 giorni; due carabinieri e una guardia giurata 5 giorni. 

E il giorno successivo, 14 febbraio 2020, secondo raid contro l'aula destinata al Fuan, con furto di alcuni arredi e la minaccia verso una guardia giurata. 

In quella stessa circostanza, era stata sequestrata anche l’aula C1 occupata abusivamente dal Collettivo Universitario Autonomo, vicino ad Askatasuna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento