menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'apprezzamento alla ragazza fa scoppiare la rissa a Torino, con tre feriti e tre arrestati

Uno di loro, il giorno dopo, evade e diventa protagonista di un'altra rissa

Un apprezzamento di troppo verso una ragazza. Una rissa. Tre ragazzi feriti. Sono questi gli ingredienti di quanto accaduto nel pomeriggio di domenica, 28 marzo 2021, in piazza XVIII Dicembre a Torino, all'altezza della fermata della metropolitana. 

E' lì che sono dovuti intervenire gli agenti della Squadra Volante, chiamati da alcuni passanti che avevano assistito alla scena. Al loro arrivo, sono stati trovati sette giovani - tra maschi e femmine - che a passo spedito si stavano dirigendo verso via Bertola. 

Una volta fermati, scattano i controlli. Con un 23enne che presentava una ferita alla testa tale da dover chiamare un'ambulanza per il successivo trasporto in ospedale: verrà dimesso con una prognosi di tre giorni per un trauma contusivo alla testa e al torace e per le diverse escoriazioni ed ecchimosi riportate.

Mancano gli altri due attori protagonisti della rissa, come spiegato dai testimoni. Ovvero un 31enne di origini colombiane ma a tutti gli effetti italiano, e un egiziano 17enne. 

Quest'ultimo ha avuto la peggio, visto che all'arrivo degli agenti, in corso Bolzano, era riverso a terra, con contusioni multiple e una frattura alla costola: ricoverato in ospedale, verrà poi dimesso con una prognosi di 15 giorni.

Dalle ricostruzioni effettuate, il 17enne era stato aggredito con calci e pugni anche al volto e con molta probabilità anche con l’utilizzo di una catena, trovata poi sul luogo del pestaggio.

A scatenare la rissa, l'apprezzamento che uno del gruppo avrebbe proferito nei riguardi della ragazza che era assieme al 17enne. Ne è nato un diverbio, culminato poi "con i fatti", con spintoni e diversi colpi da entrambe le parti.

L’intervento di un passante ha calmato gli animi e ognuno ha preso la sua strada. Ma solo apparentemente. Perché il "secondo tempo" è avvenuto all'incrocio con corso Bolzano, dove il branco ha ritrovato il 17enne che stava fuggendo con la ragazza. 

Solo grazie al secondo intervento dello stesso passante il gruppo si è allontanato. Tutti e tre i ragazzi - il 31enne ed il 23enne hanno a carico numerosi precedenti di polizia e diversi alias - sono stati arrestati per rissa aggravata.

Ma non finisce qui. Perché il 31enne, la sera dopo, lunedì 29 marzo 2021, nonostante fosse ai domiciliari, è uscito lo stesso di casa rendendosi protagonista di un'altra rissa ai danni di un uomo intervenuto in difesa di due ragazze che lo stesso aveva approcciato in strada del Lionetto. Durante la rissa è stata danneggiata anche un'auto parcheggiata. 

Inevitabili le manette per "evasione" e "danneggiamento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento