menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Donne derubate davanti a supermercati e cimiteri: la banda finisce in manette

Con i soldi compravano televisori e scarpe

Prendevano di mira le donne sole. Che si recavano o uscivano dal supermercato o dal cimitero. Poi, in pochissimi secondi, le derubavano della borsa - che spesso e volentieri lasciavano in auto - dove all'interno c'erano soldi, bancomat e carte di credito.

Due gli arrestati, fra Nole e Torino, dai carabinieri del comando provinciale e dei carabinieri della compagnia di Venaria, con il supporto dell'unità cinofila di Volpiano.

In manette sono finiti, in esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari firmata dal gip del tribunale di Ivrea, un sinti di 46 anni di Carignano, anche se domiciliato a Villanova Canavese, e un sinti torinese di 50 anni, residente a Nole. Per loro l'accusa è di "furto aggravato in concorso”, "indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento in concorso" e "ricettazione in concorso".

Il primo si trova in carcere a Torino, il secondo ai domiciliari. 

Secondo gli inquirenti, i due hanno commesso i furti tra aprile e maggio 2019 nei Comuni di Mathi, Busano, Balangero, Ciriè e San Maurizio Canavese.

Inoltre, utilizzavano i bancomat rubati per prelevare complessivamente 3.500 euro e anche per acquistare un televisore e delle scarpe per un valore di 850 euro.

Il 46enne di Villanova, inoltre, è ritenuto responsabile di un furto in un appartamento di Coassolo.

A seguito delle perquisizioni nelle rispettive abitazioni, sono stati trovati il televisore, le scarpe, un orologio in oro “Paul Picot” del valore di 4mila euro, tutto sequestrato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento