menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'arma sequestrata dai carabinieri

L'arma sequestrata dai carabinieri

Grazie al fiuto dei cani anti-esplosivi, ritrovate a Settimo e Rivalta tre pistole detenute illegalmente

Due arresti e una denuncia

E' grazie ai cani anti-eplosivi del Nucleo Cinofili di Volpiano se i carabinieri sono riusciti a stanare, e ad arrestare, due persone per "possesso illegale di armi".

Prima a Settimo, dove è stato arrestato - grazie ai carabinieri di Leini e Chivasso - un 48enne, residente in città, che aveva nascosto una pistola sul posto di lavoro, un'azienda specializzata nel recupero di rottami in ferro e metallici. Si tratta di una pistola Beretta, calibro 7,65 e 38 proiettili calibro 7,65, rubata nell’aprile del 2019 a Torino. Per lui anche l'accusa di ricettazione. 

Passano poche ore e a Rivalta, è stato arrestato un 49enne, residente in città, che ha nascosto nella sua carrozzeria due pistole Beretta, calibro 9 e calibro 7.65, con tanto di munizionamento. Dai controlli eseguiti, le armi non erano registrate nella banca dati nazionale.

A Lanzo, infine, i carabinieri di Lanzo hanno denunciato un 42enne, trovato in possesso di un fucile ad avancarica privo di marca, modello e matricola e mai denunciato.

Le pistole e il fucile verranno inviati in questi giorni al Ris di Parma per verificare se siano state utilizzate per commettere reati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento