Rubano cellulari e collanine al festival musicale: sono indagati per la strage di piazza San Carlo

Tre le vittime dei furti

La collanina rubata dai giovani ladri

Sono due indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla strage di piazza San Carlo i ladri arrestati dalla polizia sabato 2 marzo 2019 durante il "Reload Music Festival" al Lingotto Fiere.

Si tratta di due italiani, di origini marocchine, di 19 e 20 anni, finiti in manette per per furto aggravato. 

Gli agenti del commissariato Barriera di Nizza stavano effettuando i controlli nell'area quando hanno visto i due muoversi velocemente nella zona del palco, avvicinare un gruppo di ragazzi e sottrarre ad uno di loro una collanina, per poi scappare via. 

Per evitare guai, ha gettato a terra la collanina, nascondendola sotto una scarpa. Ma sia la vittima sia un poliziotto hanno notato "il particolare", fermando il 20enne. 

Nelle tasche del 19enne, invece, è stato trovato un telefono cellulare, rubato ad un ragazzo poco prima. La collanina ed il telefono cellulare sono stati riconsegnati ai legittimi proprietari.

Sono tre le persone vittime di furti nell'arco della serata. Per i due arrestati è scattata anche la denuncia per ricettazione. 

Il 20enne aveva anche a suo carico anche un obbligo di firma.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento