menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'intervento dei carabinieri

L'intervento dei carabinieri

Reperti archeologici rubati e rivenduti all'asta: tre Torinesi finiscono nei guai

Maxi operazione internazionale

Ci sono anche tre torinesi tra i 23 arrestati questa mattina, mercoledì 4 luglio, nell'ambito dell'operazione internazionale "Demetra" dei militari dell'Arma del Comando Tutela Patrimonio Culturale, ed eseguita con il coordinamento di Europol ed Eurojust e della Procura della Repubblica di Caltanissetta.

Ai domiciliari sono finiti, tra gli altri, un 70enne di Collegno, un 49enne e una 55enne di Torino.

Gli arresti sono stati eseguiti tra Italia, Regno Unito, Germania e Spagna, permettendo anche il recupero di 3mila reperti archeologici, per un valore di oltre 20 milioni di euro. 

Un'operazione partita dal furto di reperti in Sicilia, rinvenuti poi all'estero o nelle case di privati.

I reperti venivano trasportati nei modi più disparati. Persino nei portafogli, dove venivano nascoste delle monete d'argento di epoca greca. Un escamotage usato per eludere i controlli aeroportuali. Tutto per poi essere venduti all'asta, in particolar modo a Monaco di Baviera, in Germania. Per le case d'asta era difficile capire la vera provenienza, visto che ogni reperto aveva un certificato di provenienza, quasi sempre da collezioni private.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento