Rapina a mano armata all’ufficio postale: malviventi fuggiti con 24mila euro

Durante l'apertura dell'ufficio

Immagine di repertorio

Direttore e impiegata minacciati con una pistola, costretti ad aprire la cassaforte e poi chiusi in bagno dai rapinatori che sono fuggiti con circa 24mila euro. L’episodio è avvenuto alle 8 di lunedì 15 ottobre all’ufficio postale di Airasca.

I due rapinatori, di cui uno armato, si sono avvicinati al direttore e all’impiegata mentre stavano entrando all’interno dell’ufficio postale, hanno mostrato loro una pistola e li hanno costretti a entrare e ad aprire la cassaforte.

Senza usare violenza nei loro confronti, i malviventi li hanno poi chiusi in bagno e sono fuggiti con il bottino. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di None e del NOR di Pinerolo.

Un episodio del tutto simile si verificò nel febbraio 2016 ai danni dello stesso ufficio postale e con le stesse modalità. Quella volta i malviventi riuscirono a fuggire con un bottino di circa 40mila euro.

Potrebbe interessarti

  • Scarafaggi in casa? Ecco come allontanarli

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Auto sui binari del tram

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita gettandosi dal balcone: muore un uomo

  • Si toglie la vita con un colpo di pistola: aveva solo 30 anni

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Addio a Max e alla sua passione per i motori, il ricordo degli amici

  • Perdono il controllo dell'auto all'incrocio e ne centrano altre due: feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento