"No" alla bottiglia in vetro alla rievocazione storica: e lui picchia e aggredisce i carabinieri

E viene arrestato

Una fase del "Torneo di Maggio"

Tensione, nella serata di ieri, sabato 18 maggio 2019, in piazza Martiri della Libertà a Cuorgné, in occasione del "Torneo di Maggio", una rievocazione storica dedicata alla figura di Re Arduino.

Un 30enne, operaio, residente a Castellamonte, è stato arrestato dai carabinieri per resistenza a pubblico ufficiale.

Il giovane si trovava assieme ad una ragazza e stavano provando ad entrare nel centro storico di Cuorgné con una bottiglia di vetro. Ma i volontari e gli agenti della polizia locale li hanno bloccati, vista l'ordinanza firmata del sindaco Giuseppe Pezzetto che vieta l'utilizzo di bottiglie in vetro in occasione di manifestazioni pubbliche.

Ne è nato così un diverbio, piuttosto acceso. Ma alla vista dei carabinieri, i due hanno provato a fuggire, con la donna che ha ripetutamente insultato le forze dell'ordine, prima di riuscire a farla franca. Il 30enne, invece, si è scagliato contro i carabinieri, colpendoli con calci e pugni per evitare di essere fermato e identificato. Non facendo però i conti con l'inevitabile arrestato. 

Una scena vista da oltre trenta persone - tra cui dei bambini - che erano nel centro storico per guardare la manifestazione. Alla notizia dell'aggressione ai carabinieri, è arrivato anche il sindaco Pezzetto.

Durante la serata, altre tre persone sono state allontanate perchè palesemente in stato di ubriachezza ed erano intente a molestare il pubblico. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scossa serale di terremoto: avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

Torna su
TorinoToday è in caricamento