menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prova a pagare la corsa Alpignano-Torino in taxi con un bancomat senza soldi. E aggredisce il taxista

Indagato per lesioni, interruzione di pubblico servizio ed insolvenza fraudolenta

Taxisti ancora al centro di aggressioni da parte di clienti.

Lunedì scorso, 29 marzo 2021, alla centrale operativa arriva la richiesta per una corsa da via Cavour ad Alpignano con destinazione corso Giulio Cesare angolo corso Palermo a Torino. 

Il tassista accende l'auto e inizia il viaggio, che si conclude una mezz'ora più tardi. Arrivati a Torino giunge anche il momento di saldare il conto, pari a 32 euro. E qui nascono i problemi: il cliente fornisce al taxista la carta bancomat del reddito di cittadinanza. Ma la carta è risultata essere priva di credito. Di qui la proposta, da parte del conducente, di trovare un metodo alternativo di pagamento. Come un'altra carta bancomat, un prestito da parte di un amico.

Di tutta risposta, invece, il cliente - un 40enne italiano - cerca di allontanarsi, facendo ben intendere al taxista di cercarsi i soldi da altre parti. Il conducente cerca di riportarlo alla ragione ma questi gli si scaglia contro, colpendolo al volto.

A quel punto, il taxista chiede aiuto alla polizia. E, per un caso fortunoso, una pattuglia era dalla parte opposta della strada, per sedare una rissa in un minimarket. 

Gli agenti intervengono proprio nel momento in cui il cliente ha iniziato ad aggredire il taxista a colpi di pugni. I poliziotti li separano: il 40enne è in evidente stato di ubriachezza e viene fatto accomodare nell'auto della polizia.

L’uomo è stato indagato per lesioni, interruzione di pubblico servizio ed insolvenza fraudolenta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento