Abbattuta una baracca abusiva nel campo nomadi della discordia

Con una pala meccanica

Un momento dell'abbattimento

Una baracca abusiva è stata abbattuta con una pala meccanica nella giornata di oggi, sabato 17 febbraio 2018, all’interno del campo nomadi di via Germagnano, a ridosso dell'ecocentro dell’Amiat. 

Sul posto sono intervenuti gli uomini del commissariato di polizia di Madonna di Campagna, i colleghi della Squadra Mobile, del Reparto Mobile e gli agenti della polizia municipale.

La baracca era oggetto di un sequestro preventivo emesso il 6 settembre del 2016 dal Tribunale di Torino ed era già stata sequestrata dalla polizia dello stesso commissariato durante un controllo dello scorso 13 novembre 2017. 

Abbattimento baracca campo nomadi via Germagnano 2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tifoso interista scommette sull'eliminazione della Juve dalla Champions: vince quasi 10mila euro

  • Tragico schianto nella notte: auto in un una scarpata, morti cinque ragazzi

  • Violento acquazzone su mezza provincia: alberi caduti, allagamenti e ferrovia interrotta

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Colpo della dea bendata: il Superenalotto premia un giocatore con 37mila euro

  • Morte di Viviana Parisi, l'arrivo dei genitori da Torino e dei fratelli: martedì l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento