rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

 Torino, dalle irregolarità nell’etichettatura al sequestro di 235 litri di alcol etilico contaminato e pericoloso  

Operazione dei funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli

235 litri di alcol etilico adulterato, “pronti per essere immessi nel circuito commerciale con grave pregiudizio per la salute degli utilizzatori” dicono i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli che hanno condotto l’operazione, sono stati sequestrati e il produttore e il fornitore dell’alcol sono stati denunciati per i reati di vendita di prodotti industriali con segni mendaci e di adulterazione di cose in danno alla salute pubblica.

L’indagine è nata dalla segnalazione di un residente a Torino che, dopo avere acquistato una partita di diverse centinaia di litri di alcol etilico denaturato a 90°, ha notato la presenza di alcune irregolarità nell’etichettatura. I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) di Torino hanno quindi individuato una partita di alcol etilico denaturato “contenente elevati tenori di alcol metilico (c.d. metanolo) e quindi potenzialmente pericolosa per la salute umana – spiegano-. Le analisi del Laboratorio chimico ADM di Torino hanno accertato la presenza, oltre che dell’alcol etilico denaturato, anche di una concentrazione del 5,7% di alcol metilico (c.d. metanolo), non indicata in etichetta. Le confezioni erano prive anche del prescritto tappo di sicurezza, idoneo ad impedirne l’apertura da parte dei bambini”.

La pericolosità del metanolo

La pericolosità del metanolo per l’organismo umano è tale da determinare forti intossicazioni e danni al nervo ottico. In Italia è severamente vietato l’uso del metanolo per la produzione di alimenti e bevande, per profumerie alcoliche, cosmetici e prodotti d’igiene personale, medicinali, disinfettanti ed essenze naturali e sintetiche, nonché il suo uso come solvente per colori e vernici, adesivi, mastici e sigillanti, inchiostri, prodotti di uso domestico. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

 Torino, dalle irregolarità nell’etichettatura al sequestro di 235 litri di alcol etilico contaminato e pericoloso  

TorinoToday è in caricamento