Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

In 7mila alla manifestazione No Tav, noi "colpevoli di resistere"

E' stato un corteo pacifico quello che oggi pomeriggio ha attraversato le vie di Torino. Incredibile il dispiegamento di forze dell'ordine. Il gruppo si è poi sciolto una volta arrivato in piazza Castello

Migliaia di No Tav giunti da tutta Italia hanno manifestato questo pomeriggio per le vie di Torino. Una marcia di solidarietà nei confronti dei quattro attivisti arrestati a causa di un attacco notturno al cantiere del Tav di Chiomonte. Quattro personaggi bollati come terroristi. Così in 6-7mila si sono ritrovati alle ore 14 in piazza Adriano. Davanti a loro un Palagiustizia blindato come non mai con una cinquantina di mezzi delle forze dell’ordine a protezione.

Più di 1500 gli agenti impegnati lungo tutto il percorso. Blindato il Cit Turin. E a seguire il centro. Non poche le lamentele dei residenti del quartiere. Dopo un’ora e mezza di attese il serpentone ha iniziato il suo lungo viaggio, con in testa lo striscione pro arrestati, attraversando corso Ferrucci, corso Francia, piazza Statuto (in minima parte), piazza XVIII Dicembre (con un breve comizio di pochi minuti), via Cernaia, via Pietro Micca e infine piazza Castello.

La marcia pacifica è proseguita senza intoppi tra cori contro le forze dell’ordine e contro il Partito Democratico, i giornalisti e i magistrati. E poi slogan e distribuzione di volantini. Poco dopo le ore 17.30 il palco allestito di piazza Castello ha ospitato le mamme di due dei quattro ragazzi arrestati per terrorismo. Al corteo ha preso parte anche il candidato alla Regione Piemonte per il Movimento 5 Stelle Davide Bono.

Pochi i danni: imbrattata una filiale della Banca del Piemonte, stessa sorte per due camionette della polizia. Gruppi di dimostranti hanno utilizzato la vernice spray e poi attaccato manifesti su molte vetrine. Qualcuno persino sui pali della luce

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In 7mila alla manifestazione No Tav, noi "colpevoli di resistere"

TorinoToday è in caricamento