Morto in casa da due giorni: il fratello dà l'allarme, quando aprono la porta è troppo tardi

Intervenuti i vigili del fuoco

Immagine di repertorio

Un uomo è morto a 30 anni nel suo appartamento di corso Lecce a Torino. Sono stati i vigili del fuoco a trovare il cadavere nel letto, in avviato stato di decomposizione a causa del caldo. A dare l'allarme era stato il fratellastro dell'uomo, che non lo sentiva da due giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In base ai primi accertamenti del medico legale, l'uomo sarebbe morto per un infarto. Aveva problemi di salute legati all'obesità e soffriva anche di problemi respiratori. Prima di Ferragosto quando era stato sottoposto a un tampone per verificare l'eventuale contagio da coronavirus. Risultato: negativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

  • Delirio in tangenziale: si scontrano auto, furgone e tir. Code di dieci chilometri

  • Elezioni comunali a Venaria Reale: sarà ballottaggio tra Giulivi e Schillaci

  • Elezioni 2020, in 23 comuni del Torinese i cittadini sceglieranno il sindaco e il consiglio comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento