Morto in casa da due giorni: il fratello dà l'allarme, quando aprono la porta è troppo tardi

Intervenuti i vigili del fuoco

Immagine di repertorio

Un uomo è morto a 30 anni nel suo appartamento di corso Lecce a Torino. Sono stati i vigili del fuoco a trovare il cadavere nel letto, in avviato stato di decomposizione a causa del caldo. A dare l'allarme era stato il fratellastro dell'uomo, che non lo sentiva da due giorni.

In base ai primi accertamenti del medico legale, l'uomo sarebbe morto per un infarto. Aveva problemi di salute legati all'obesità e soffriva anche di problemi respiratori. Prima di Ferragosto quando era stato sottoposto a un tampone per verificare l'eventuale contagio da coronavirus. Risultato: negativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

  • Normativa anticovid, controlli nelle aree verdi di Torino: sanzionati 16 sportivi

Torna su
TorinoToday è in caricamento