Fanno il pieno alle auto con le carte dell'azienda: bottino 50mila euro

Sei persone nei guai

Immagine di repertorio

Hanno clonato le carte carburanti dell'azienda per cui lavoravano sottraendo 50mila euro dalla contabilità aziendale facendo il pieno alle proprie auto private.

Protagonista dell'accaduto è un dipendente che si è fatto aiutare da parenti e amici allo scopo di mettere a segno il grosso raggiro, ma tutti sono finiti nel mirino dei carabinieri della compagnia di Moncalieri, che aveva ricevuto le denunce dei titolari della società, che opera nel settore del collaudo.

In tutto sei persone sono state indagate per indebito utilizzo di carte di pagamento e le loro case, a Torino e Alba (Cuneo), sono state perquisite.

I militari hanno sequestrato i kit, formati da programmi software, carte vergini e carte già clonate, utilizzato dalla banda per sottrarre il denaro all'azienda vittima del raggiro. L’indagine si è conclusa a inizio dicembre 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento