rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Utenze

Bonus acqua 2022, in cosa consiste e come fare domanda

C'è tempo fino al 28 febbraio

Per razionalizzare l’uso dell’acqua e ridurre il consumo di contenitori di plastica, è previsto un credito d'imposta del 50% delle spese sostenute per l'acquisto e l'installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti.

Bonus acqua potabile: cos'è e fino a quando si può fare domanda

L’importo massimo delle spese su cui calcolare l’agevolazione è fissato a:

  • 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche
  • 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali.

Le informazioni sugli interventi andranno trasmesse in via telematica all’Enea. La Legge di Bilancio 2022 ha prorogato al 2023 questa agevolazione inizialmente introdotta per il biennio 2021-2022.

Fino al 28 febbraio, è possibile comunicare le spese sostenute lo scorso anno, inviando il modello tramite il servizio web disponibile nell'area riservata o i canali telematici dell'Agenzia.

Una volta ricevuto l'ok, il credito d'imposta riconosciuto sarà utilizzabile in compensazione tramite F24, oppure, per le persone fisiche non esercenti attività d'impresa o lavoro autonomo, anche nella dichiarazione dei redditi riferita all'anno della spesa e agli anni successivi fino al completo utilizzo del bonus.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus acqua 2022, in cosa consiste e come fare domanda

TorinoToday è in caricamento