Furti nelle vacanze di Natale: i torinesi temono i ladri 4.0

Timori legati alla troppa visibilità sui social

immagine di repertorio

Un'eccessiva visibilità sui social, durante le vacanze natalizie, esporrebbe la casa a maggiori sguardi indiscreti ed a un maggior numero di furti. E' il timore che hanno molti torinesi, espresso a pochi giorni dalle tanto attese vacanze natalizie, quando puntuali arriveranno anche le foto dei regali scartati davanti al panettone e delle settimane bianche...

L'Osservatorio Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell'Automobile Club d'Italia, rivela che tre abitanti di Torino su quattro (75%) teme che un'eccessiva visibilità sui social network  possa esporre la propria casa a un maggior rischio di furti. Per questo ritengono che sia fondamentale "un uso accorto e consapevole di queste piattaforme, evitando di condividere, specie pubblicamente, troppe informazioni di sè".

Ladri in casa nelle vacanze di Natale: i timori dei torinesi

Proprio le vacanze, tra l’altro, sono indicate dal 43% degli intervistati come uno dei momenti in cui si teme di più che i ladri possano introdursi in casa. Il 39% dichiara di aver più paura di un’intrusione notturna, mentre si dorme; infine, il 18% teme che avvenga di giorno, indipendentemente dal fatto che ci sia qualcuno in casa o meno.

Subire un furto o una rapina nella propria casa spaventa per diverse ragioni:

  • per il rischio di subire un’aggressione (45%)  
  • per le conseguenze emotive legate all’evento (20%). 
  • per il danno economico derivante da atti vandalici (24%) 
  • per la perdita di preziosi (10%)

Furti in casa: come difendersi

Tra le soluzioni migliori per difendersi dai furti in appartamento:

  • installare un impianto di allarme (33%)
  • rafforzare i dispositivi di sicurezza di porte e finestre (22%). 
  • stipulare una polizza assicurativa che copra il danno subito (22%).

Tuttavia, il 45% dei torinesi ha dichiarato di non aver adottato nessuna misura di protezione della propria casa nell’ultimo anno, a causa del costo eccessivo.

Talvolta ci si arrangia con deterrenti alternativi come:

  • lasciare la luce accesa anche di notte o quando si esce per fingere una presenza vigile nel domicilio (31%)
  • realizzare allarmi “artigianali” con oggetti messi davanti a porte e finestre che, se spostati, fanno rumore (25%).
  • affidarsi  al vicino per controllare la propria abitazione (29%).

“Gli ultimi dati Eurispes sulle paure degli italiani rivelano che i furti in abitazione sono ancora una tra le maggiori minacce percepite. La nostra ricerca ha messo in luce come siano numerosi i timori legati a questo tipo di evento, che irrompe proprio nell’ambiente in cui ci si dovrebbe sentire più al sicuro – commenta Marco Brachini, Direttore Marketing, Brand e Customer Relationship di Sara Assicurazioni – Per questo motivo, è fondamentale proteggere la propria casa adeguatamente. Noi di Sara siamo da sempre a fianco degli italiani con soluzioni assicurative innovative e mirate che, in caso di furto o rapina, aiutano a superare i danni patrimoniali causati dai ladri. Per esempio, prevediamo somme assicurate maggiorate se il furto in casa avviene nel periodo natalizio.”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mattone, quanto rende a Torino e in Piemonte?

  • Birra, un alleato formidabile e sorprendente nelle faccende domestiche (e non solo)

  • Impermeabilizzare il terrazzo, come renderlo resistente al tempo ed alle intemperie

  • Pulizia del bagno, come eliminare il calcare: tutti i metodi naturali

  • La mansarda: intima, accogliente, tutta da sfruttare

  • Bonus impianti elettrici, rimborsi da 600 a 1200 euro: chi ne ha diritto

Torna su
TorinoToday è in caricamento