Lunedì, 14 Giugno 2021
Profili di viaggio

Opinioni

Profili di viaggio

A cura di Emanuela Galleano

Torino, santi sociali dal volto misterioso

Città di contrasti, il bianco e il nero con striature di rosso

Non conosci Torino se...non conosci i santi sociali.

Durante l'Ottocento la santità diventa un affare molto pratico, la nascente industria crea nuovi ricchi e nuovi poveri e anche la santità si adegua lasciando da parte le visioni mistiche per occuparsi di faccende più concrete.

In prima linea nella difesa dei ragazzi difficili, oggi diremmo drop out, uno dei santi più amati in città e non solo; il culto di Don Bosco infatti è stato esportato in tutto il mondo. Il sacerdote salesiano, noto per essersi prodigato tutta la vita per le cause in cui credeva, aveva anche un lato inquietante e ben manifesto ai seminaristi che abitavano con lui. Spesso la notte si riempiva dei rumori provocati dalla lotta che si svolgeva tra don Bosco e i demoni tentatori.

Ebbene, come si dice, se non riesci a uscire dal tunnel, arredalo! Don Bosco fini' per fare amicizia con un demone in partcolare a cui diede anche un affettuoso soprannome. Grappino.

Per informazioni su TURIN BLACK - la Torino nera e per partecipare alla visita guidata sui misteri, i casi di cronaca e le leggende della città più nera d'Italia scrivete a agenzia@buscompany.it oppure 011/22.61.941

Si parla di

Torino, santi sociali dal volto misterioso

TorinoToday è in caricamento