Crisi Covid: aumenta l'insonnia dei piemontesi, cala la spesa per l'attività fisica

L'indagine 

Freepick License

La crisi Covid-19 ha inevitabilmente fatto sentire i propri effetti, con ripercussioni sugli acquisti di prodotti e servizi per il benessere. Questo il dato principale che emerge dal Rapporto sull’Economia del Benessere 2020, seconda edizione dell’indagine voluta da Philips e realizzata da DOXA per analizzare stili di vita, abitudini e tendenze di consumo degli italiani.

In Piemonte la spesa per il benessere ammonta a 2,6 miliardi di euro, dei quali il 43% è riservato alla sana alimentazione, il 23% alla cura del corpo e il 16% all’attività fisica. I piemontesi sono tra i pochi che hanno mantenuto sostanzialmente invariata la propria spesa per il benessere, anche se analizzando il paniere la distribuzione risulta mutata. La sana alimentazione resta stabilmente la prima voce, 3 punti percentuali più in alto della media nazionale (40%), anche perché gli abitanti della regione sono nettamente quelli che più acquistano prodotti per diete e regimi alimentari specifici (60% Vs media italiana 59%).

Cala al 16% (Vs 19 nel 2018) la spesa per l’attività fisica mentre cresce invece quella per la cura del corpo, che oggi pesa per il 23% sul totale (Vs 20% 2018). Leggere variazioni si registrano invece negli ambiti gestione dello stress e Cura del sonno.

Crisi Covid: la maggioranza dei piemontesi valuta positivamente il proprio stato di salute, ma soffre di problemi di insonnia

Il Rapporto sull’Economia del Benessere 2020, voluto da Philips e Doxa, sottolinea inoltre come ’84% dei piemontesi valuti positivamente il proprio stato di salute, in linea con la precedente rilevazione e sopra la media nazionale dell’81%.

Malgrado il Piemonte sia stato tra le aree colpite con maggiore intensità dall’emergenza Covid-19, il 62% dei propri abitanti sostiene che quanto accaduto non cambierà il proprio atteggiamento verso la salute, un risultato significativamente superiore alla media nazionale (58%).

La pandemia ha però rovinato il sonno ai piemontesi, visto che oggi il 63% dichiara di soffrire talvolta o spesso di problemi di insonnia (Vs 59% media nazionale), la percentuale più alta in Italia, cresciuta addirittura del 20% rispetto alla precedente rilevazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Giro d'Italia a Torino sabato 8 maggio: tutte le modifiche della viabilità in città (e i divieti di sosta)

  • Crollo nel capannone di Amazon in costruzione: un morto e cinque feriti, uno è gravissimo

  • Operazione contro la 'ndrangheta nel Torinese: arresti, sequestrati due bar, due società e una tabaccheria

  • Dagli orti ai marciapiedi. Dalle auto ai treni. Chivasso diventa set hard grazie a Chantilly, regina del web

  • Lapo contro lo spot Hyundai: "La Panda in fumo e la pizza scadente, non si ridicolizza la cultura di un Paese"

  • Fedez vende la Lamborghini per una Panda? Lapo si offre per aiutarlo a sceglierla

Torna su
TorinoToday è in caricamento