Coronavirus: Oms, bere alcol non protegge dal Covid-19

Una clamorosa bufala

immagine di repertorio

Il consumo di alcolici può uccidere il Coronavirus. Una fake news clamorosa, smentita categoricamente anche dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dall'Istituto Superiore di Sanità. 

Entrambi hanno sottolineato quanto il consumo frequente di alcol o superalcolici non protegga dall'infezione da Covid-19. Al contrario, gli alcolici sono nocivi per la salute e generano dipendenza.

Il loro consumo non solo non protegge dal virus ma espone al rischio di sviluppare malattie serie tra cui i tumori.

Bere alcolici frequentemente compromette il sistema immunitario ed aumenta il rischio di conseguenze negative per la salute. Le persone, secondo l'Oms e l'Iss, dovrebbero ridurre il consumo di alcol in qualsiasi momento e in particolare durante la pandemia.

Per prevenire il contagio bisogna:

  • restare a casa;
  •  rispettare le misure di distanziamento sociale (almeno 1 metro di distanza dalle altre persone)
  •  lavarsi frequentemente le mani con acqua e sapone o soluzioni a base di alcol per almeno 40-60 secondi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento