Camminare: chi è più lento...invecchia prima

Lo dimostra lo studio di una prestigiosa Università americana

Camminare, si sa, fa bene e la camminata è un ottimo indicatore del nostro stato di salute. Alcuni ricercatori della Duke University, proprio grazie ad un test sulla velocità di andatura, sono riusciuti a misurare il processo di invecchiamento.

Dai risultati è emerso che le persone che camminano più lentamente invecchiano più rapidamente e che il loro cervello risulta essere meno attivo ed elastico rispetto a quello di coloro che hanno un'andatura veloce.

Camminata: un'andatura veloce, un cervello attivo più a lungo

Lo studio prende in esame le persone di mezza età (45-50 anni). Nei podisti più lenti hanno individuato:

  • una maggiore riduzione cerebrale e dello spessore corticale
  • una minore superficie del cervello
  • alterazioni della sostanza bianca tipiche del declino cognitivo
  • piccole lesioni associate alla malattia dei vasi cerebrali
  • denti, polmoni, sistema immunitario in condizioni peggiori

Camminare coinvolge tanti organi:

  • apparato cardiovascolare
  • apparato respiratorio
  • apparato motorio
  • l'intero metabolismo

I ricercatori della Duke University sono stati in grado di prevedere la capacità di camminata dei 45enni utilizzando test di intelligenza, linguaggio e abilità motorie di quando avevano 3 anni.

I dati incrociati hanno mostrato che i bambini che sono diventati più lenti nel camminare avevano un quoziente intellettivo di 12 punti inferiore rispetto a coloro che sarebbero diventati più veloci 40 anni dopo.

I risultati ottenuti permettono quindi di capire abbastanza facilmente chi avrà una salute migliore da adulto, tenendo ovviamente conto dei differenti stili di vita adottati da vari soggetti presi in esame.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Luca Argentero furioso con i settimanali Chi e Oggi: sulle loro pagine le foto della figlia, senza permesso

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento