Lunedì, 20 Settembre 2021
Alimentazione

L’anguria, il frutto dell'estate non deve mai mancare: 6 trucchi su come sceglierla

Perché non si riveli un’enorme delusione

Per Pablo Neruda l’anguria era semplicemente la balena verde dell’estate. Talmente suprema e celestiale da meritare anche un’ode tutta per lei. Del resto se l’estate è la stagione per antonomasia, l’anguria ne è il simbolo. Ha un sapore zuccherino e un profumo che immediatamente emana delizie e sprigiona ricordi. Quando si pensa all’infanzia, agli amici, alle grigliate, intorno ai protagonisti c’è spesso un’anguria. La ‘balena verde’ dà immediatamente un senso di sazietà, che deriva però dalla leggerezza tipica di quando stiamo bene.

Anguria: i 5 benefici adatti a ogni organismo

Ma quali sono i principali vantaggi dell’anguria? Sicuramente il cocomero contiene una grande percentuale di acqua, ha poche calorie, tanti zuccheri semplici e sali minerali. L’anguria è ricca di magnesio, potassio, fosforo e per questo è ideale per combattere l'afa estiva e quel conseguente senso di spossatezza.

Ecco 5 motivi per cui un’anguria d’estate non deve mai mancare dal nostro frigorifero:

1) Ci fa sentire meno stanchi: è ricca di vitamine del gruppo B. Garantisce al nostro organismo il giusto apporto di potassio e magnesio. Ci dà energia, aiutandoci a combattere l'afa. Consumare angurie inoltre, secondo le ricerche recenti dell'Università del Kentucky, aiuta a prevenire le malattie cardiache, diminuendo l'accumulo di grassi nelle arterie.

2) Rende le gambe più belle: come eliminare la sensazione di pesantezza e gonfiore alle gambe? Con un bel centrifugato a base di anguria e cetriolo.

3) Perfetta come anti-cellulite. l'anguria è composta per il 92% di acqua e per l'8% di zucceri. Attraverso il microcircolo e la pulizia dei reni contrasta cellulite e pelle a buccia d'arancia.

4) Ha un effetto drenante: come disintossicare l'organismo eliminando l'accumulo di tossine? L'anguria ci aiuta anche in questo: grazie al licopene, al betacarotene ed alla vitamina A che sono contenute nella polpa rossastra e grazie al basso contenuto calorico (solo 30 Kcal per 100 grammi) costituisce un'ottima base per una merenda ipocalorica.

5) Dà un senso di sazietà: l'anguria ha un effetto diuretico, che contribuisce ad aumentare positive sensazioni di leggerezza e di sazietà. Almeno fino alla prossima fetta!

Come scegliere un'anguria: le giuste indicazioni

Ma come deve essere scelta un’anguria? Come evitare di acquistarne una che non sa di niente e non si riveli solo un’enorme delusione? Vediamo insieme sei trucchi e consigli attraverso cui deve avvenire la nostra scelta.

1)La buccia deve essere liscia, soda e priva di ammaccature o di altri danni evidenti dall’esterno. 

2) Picchiettando sulla buccia con le dita, si dovrebbe sentire un suono sordo e “di vuoto”, indizio di una corretta maturazione.

3) Bisogna scegliere quelle con la buccia scura ed opaca che indica un cocomero ben maturo. Le striature sulla superficie ben definite e ravvicinate tra loro indicano un prodotto dal sapore più intenso. In particolare, quelle sul fondo dovrebbero essere piuttosto ravvicinate, sinonimo di buccia sottile e polpa gustosa.

4) La presenza del picciolo secco, ancora meglio se riccio rappresenta un indizio a favore di un  buon sapore. Se, invece, sul peduncolo sono ancora visibili le setole o dei resti di fiore vi trovate davanti a un cocomero ancora immaturo e che è stato raccolto troppo presto.

5) La zona d’appoggio, quella macchia giallastra che si vede sulla superficie della buccia, rappresenta, probabilmente, l’indicatore più importante della corretta maturazione e della dolcezza di un’anguria. Si tratta della parte che è stata a contatto con il terreno, e quindi nascosta ai raggi solari, mentre il cocomero trascorreva le sue giornate a maturare sotto il sole. Se questa chiazza è solo accennata o inesistente, vuol dire che l’anguria ha passato poco tempo appoggiata al suolo: è stata raccolta troppo presto e ha smesso di maturare.

6) L’anguria non è un frutto leggero: più pesa, in proporzione alle sue dimensioni, più sarà ricca d’acqua. La presenza di molta acqua è, anch’essa, indicatore della corretta maturazione dell’anguria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’anguria, il frutto dell'estate non deve mai mancare: 6 trucchi su come sceglierla

TorinoToday è in caricamento