rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità Barriera di Milano / Via Niccolò Paganini

A Torino torna Vinokilo, tutti pazzi per il mercato modaiolo di vintage "al chilo"

Un appuntamento che strizza l'occhio alla sostenibilità e all'economia circolare

Dal 21 al 24 ottobre, dopo lo scorso giugno, torna a Torino, per la sua edizione autunnale, Vinokilo, il Vintage Kilo Festival: il più grande pop-up shop di Vintage al chilo d'Europa che contribuisce a limitare gli sprechi in fatto di moda e che strizza l'occhio alla sostenibilità e all'economia circolare. Da Vinokilo, un vero e proprio mercatino che si svolgerà in via Niccolò Paganini presso l'associazione culturale Variante Bunker, sarà possibile portare i propri capi di abbigliamento usati che verranno valutati in base alla quantità donata, al chilo, e si riceverà uno sconto sui nuovi acquisti fino a un massimo del 30%.

Abiti dai 35 ai 45 euro al chilo

Qui si troveranno pezzi unici di abbigliamento, migliaia di alternative, modelli e tipologie: giacche, cappotti, trench, jeans, camicie fantasy, tutti diversi per brand, stili, tessuti e taglie. Ma anche tanti accessori: borse, cinture e molto altro. Acquistando un kilo di abiti - il cui costo potrà variare a seconda della qualità e della quantità degli articoli ma si aggirerà tra i 35 e i 45 euro al chilogrammo -, si potrà ottenere un outfit completo. 

Gli abiti che si vorranno portare indietro dovranno essere lavati, in buono stato e non dovranno avere marchi del fast fashion - Zara, H&M, Bershka ecc... - ossia, le catene di abbigliamento low cost che propongono capi alla moda a piccoli prezzi e che utilizzano materiali non troppo amici dell'ambiente. Tra questi il poliestere che deriva dal petrolio ed è inquinante, e il cotone che in sè non è nocivo, ma lo è la sua lavorazione.

Non solo vintage

 VinoKilo però non è solo vintage: qui ci si potrà immergere in tantissime altre attività come musica, food e drinks, laboratori e talk e un super market di design e artigianato. Per partecipare a Vinokilo è indispensabile in green pass ed è necessario acquistare un biglietto d'ingresso, al costo di 3 euro, sul sito dedicato.

L'idea del mercatino di abiti in vendita al chilo è nata nel 2016 dall’imprenditore tedesco Robin Balser, inserito da Forbes nella classifica degli under 30 impegnati in progetti di rilievo sociale. L'iniziativa ha consentito il reimpiego di oltre 240 mila chili di abiti contribuendo a ridurre l’impatto ambientale dell’industria dell’abbigliamento, da sempre una delle più inquinanti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Torino torna Vinokilo, tutti pazzi per il mercato modaiolo di vintage "al chilo"

TorinoToday è in caricamento