ToBike, fuori uso il 35% del parco bici in città: colpa dei vandali

E' stato presentato anche un esposto in Procura

Sabato 3 agosto è tornato operativo il servizio di ToBike dopo l'intera giornata di venerdì in cui, non è stato possibile per gli utenti, prelevare le biciclette. Era fuori uso infatti tutte le 164 stazioni dislocate sul territorio urbano. Problemi di connettività a quanto pare che hanno obbligato i tecnici di ToBike a intervenire sulla piattaforma che dopo ore di lavoro è tornata online.

Un disguido che ha aizzato gli habitué della bici a noleggio, negli ultimi mesi già scontenti della qualità del servizio, manifestato soprattutto sulla pagina social di ToBIke. Tra chi si dice convinto a non rinnovare più la tessera per utilizzare il servizio e chi chiede rimborsi per la sua qualità scadente e la scarsa manutenzione dei mezzi, le lamentele purtroppo non mancano. 

Ma il problema che attanaglia Bici in Città che ha in gestione il servio, sono i vandali. Gli atti vandalici negli ultimi mesi sono aumentati in maniera esponenziale. Dell'attuale parco bici, sarebbero fuori uso circa il 35% dei mezzi per un danno di centinaia di migliaia di euro: una situazione che, salvo episodi sporadici, non si era mai verificata a questi livelli. Tanto che ToBike, due settimane fa, ha presentato un esposto in Procura: gli investigatori stanno infatti indagando sul fenomeno che sta danneggiando fortemente uno dei servizi cittadini più amati e più utilizzati dalla comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Tragedia a Torino: uomo si toglie la vita gettandosi nel Po

  • Dieta, metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunciare ai propri alimenti preferiti

Torna su
TorinoToday è in caricamento