I valdesi di Torino pronti ad accogliere i migranti di Open Arms

Hanno scritto una lettere a Conte, Salvini e al Parlamento Europeo

La chiesa valdese di Torino è a disposizione dei migranti della Open Arms. I disperati, 107 in tutto, che da giorni si trovano sulla Ong spagnola al largo di Lampedusa potrebbero essere accolti dai valdesi in Piemonte, che hanno confermato la loro disponibilità ad ospitarli, così com'era già successo in altre occasioni. A gennaio ad esempio la comunità aveva aperto le porte a una parte dei migranti a bordo della Sea Watch.

Il pastore Luca Maria Negro, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), e il pastore Eugenio Bernardini, moderatore della Tavola valdese, all'inizio di agosto, hanno scritto una lettere al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, inviata per conoscenza anche al ministro dell'Interno Matteo Salvini, per ribadire la loro disponibilità ad accogliere i profughi. Non avendo ricevuto risposta si sono rivolti anche al presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, sottolineando la necessità di arrivare al più presto a un accordo.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Carne e pesce in cattivo stato di conservazione: denunciato titolare di un negozio

  • Coronavirus, sei i casi di positività in Piemonte: uno accertato e cinque probabili

Torna su
TorinoToday è in caricamento