"No al numero chiuso degli ufficiali": lo storico carnevale finisce in tribunale

Disposto per motivi di sicurezza

Un momento dello storico carnevale di Ivrea

Il carnevale di Ivrea, tra le poche manifestazioni torinesi di rilevanza nazionale, finisce davanti al Tar dopo l'istituzione del numero chiuso, che viene contestato da undici aspiranti ufficiali dello Stato Maggiore (una delle componenti storiche della rassegna) che sono stati esclusi dal bando di arruolamento pubblicato lo scorso novembre sul sito della fondazione che organizza la manifestazione. La discussione si terrà il prossimo mercoledì 5 febbraio 2020.

L'inizio del carnevale, quest'anno è previsto per sabato 22, soltanto 17 giorni dopo. Gli 11 ricorrenti (su 55 che avevano presentato domanda all'epoca) contestano sia il numero chiuso in sé (che è stato disposto per ragioni di sicurezza), sia il metodo con cui è avvenuta la scelta di coloro che sono stati ammessi.

La manifestazione, salvo sorprese, sembra comunque non essere in discussione neanche se il Tar dovesse dare ragione agli aspiranti ufficiali esclusi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento