Domenica, 1 Agosto 2021
Attualità

Famiglie in difficoltà, Torino Solidale distribuisce ogni mese 250 tonnellate di beni alimentari

In città, sono 7400 i nuclei che hanno bisogno di un aiuto concreto: 24mila persone tra cui 8mila minori

Circa 250 tonnellate di cibo e beni primari - suddivisi in 11-12mila panieri - vengono distribuiti ogni mese a 7400 famiglie torinesi (24mila persone, fra cui circa 8000 minori, ndr) bisognose da Torino Solidale, la rete creata lo scorso marzo dalla Città per far fronte alla crisi economica generata dall'impatto del coronavirus. I dati sono stati forniti in commissione dall'assessora al Welfare Sonia Schellino: la maggior parte dei nuclei famigliari con più difficoltà e che ricevono aiuti viene dalla zona nord di Torino. Qui sono concentrate anche più famiglie con figli minori mentre nella zona sud c'è una prevalenza di persone in età avanzata e di nuclei famigliari più piccoli.  

Un milione di euro dalla Città

Tra gli Snodi che fanno parte di Torino Solidale e che ultimamente sono saliti a 12, c'è anche il Gruppo Abele. Molti di questi hanno sviluppato in proprio attività complementari sempre nell'ottica di welfare di comunità. La rete fino ad ora ha potuto contare su fondi per 2 milioni, ai quali si aggiunge l'ulteriore milione stanziato dalla Giunta: cifra che permetterà all'iniziativa di proseguire ancora per i primi mesi del 2021 e prolungare gli aiuti fino alla prossima primavera. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglie in difficoltà, Torino Solidale distribuisce ogni mese 250 tonnellate di beni alimentari

TorinoToday è in caricamento